La fame nervosa

LA “ FAME NERVOSA” È UNA MALATTIA VERA E PROPRIA CHE PUÒ ESSERE CURATA

È descritta in circa il 50% dei soggetti obesi con una storia dietologica fallimentare.

Il Disturbo da Alimentazione Incontrollata, in inglese Binge Eating Disorder (BED) è una patologia caratterizzata dalla presenza di episodi di abbuffate compulsive, alle quali seguono sensi di colpa e vissuti fallimentari. Recentemente i ricercatori che hanno contribuito ad elaborare la quinta revisione del Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali (DSM 5, revisione di maggio 2013), hanno riconosciuto il disturbo da alimentazione incontrollata come una malattia a tutti gli effetti, la quale richiede diagnosi e cura al pari di anoressia e bulimia.

CHE COS’È UN’ABBUFFATA COMPULSIVA?

Per molte persone un’abbuffata è qualcosa di perfettamente innocuo: uno scivolone, un errore dietetico o un semplice abuso. Per altri, soprattutto per le donne, ma sempre più spesso anche per gli uomini, indica un’assunzione compulsiva di una quantità esagerata di cibo con la contemporanea sensazione di perdita di controllo e successivi sentimenti di colpa, vergogna e di disprezzo verso se stessi.
Alcuni pazienti riferiscono che il comportamento di alimentazione incontrollata viene scatenato da alterazioni dell’umore come depressione, ansia, rabbia o noia; altri non sono in grado di identificare precisi fattori scatenanti, ma riferiscono sentimenti aspecifici di tensione che ricevono sollievo dal mangiare senza controllo.
I soggetti con Disturbo da Alimentazione Incontrollata che giungono nell’Ambulatorio Specialistico Dott. Oliva presentano gradi variabili di obesità, hanno una storia alle spalle di ripetuti tentativi di perdere peso e si sentono spesso disperati per la loro incapacità di controllare l’assunzione di cibo.
Spesso queste persone riferiscono che il loro modo di mangiare e il peso interferiscono nei rapporti con gli altri, nel lavoro e nella possibilità di sentirsi soddisfatti. Descrivono un senso di autodisprezzo, di disgusto per le dimensioni e le forme corporee, di depressione, di ansia, di preoccupazioni e di vulnerabilità.

UNA SPINTA FORTE VERSO L’ABBUFFATA


Per far fronte all’insoddisfazione vissuta per il peso e per la forma del corpo una delle soluzioni adottate é quella di
iniziare una dieta spesso molto restrittiva. Lo stare a dieta, però, induce un senso di deprivazione fisica e mentale che diventa una forte spinta verso l’ abbuffata.

Il frequente tentativo di riacquistare il controllo intraprendendo nuove diete crea, con l’andare del tempo, un circolo vizioso che diviene autoperpetuante, si perde il controllo perché si è a dieta o ansiosi o arrabbiati ci si rifugia nell’abbuffata che anestetizza le emozioni per pochi minuti per riaccenderli, inevitabilmente, più forti di prima. Questo continuo tentativo di esercitare il controllo seguito dal fallimento imprigiona il soggetto nella gabbia del Disturbo Alimentare.

COSA FARE ?

Il trattamento più efficace nella cura del Disturbo da Alimentazione Incontrollata è la terapia cognitivo comportamentale che nell’ Ambulatorio Specialistico Dott. Oliva viene proposta da diversi anni, riscontrando sempre più frequentemente la risoluzione della sintomatologia e la conseguente gestione del peso corporeo.
L’ Alimentazione Incontrollata è il disturbo alimentare più frequente e quello che si cura più facilmente.
Il primo passo da fare è uscire dall’isolamento e chiedere aiuto. Le Strutture dedicate alla cura dei Disturbi Alimentari dove operano in sinergia medici, psicologi e dietisti possono dare risposte certe ed efficaci.

Cambiare è possibile comincia a crederci.


Condividi questa pagina con i tuoi amici Facebook Google Plus Twitter Email